• Siracusa. Settimana del prematuro, appuntamenti e riflessioni per i piccoli guerrieri

    Quinta edizione della settimana del prematuro a Siracusa. Una serie di appuntamenti e riflessioni volute dall’Asp ed organizzate attraverso il reparto di Neonatologia e Utin dell’ospedale Umberto I di Siracusa insieme con l’associazione Pigitin. Il 17 novembre sarà la giornata mondiale del prematuro e non mancano anche a Siracusa i momenti dedicati alla sensibilizzazione sulle problematiche dei piccoli nati prematuri e delle loro famiglie.
    Il direttore del reparto, Massino Tirantello, ha parlato dell’attività del delicato reparto e degli appuntamenti in cantiere. Insieme a lui, il direttore sanitario dell’Asp, Anselmo Madeddu, il direttore medico di presidio, Giuseppe D’Aquila e il direttore del Dipartimento Materno infantile, Antonino Bucolo. Coinvolti anche la vice presidente dell’associazione Pigitin, Santina Parentignoti, volontari, operatori sanitari e tante famiglie con i piccoli che hanno vissuto l’esperienza della prematurità.
    Durante tutta la settimana, saranno illuminati di viola, colore del prematuro, la targa in marmo situata accanto all’ingresso principale dell’ospedale Umberto I e il balcone del reparto di Neonatologia, prospicente la via Testaferrata, la fontana di Diana in piazza Archimede e monumenti di Noto e Palazzolo.
    L’associazione Pigitin ha organizzato per la prossima settimana una conferenza all’istituto De Amicis di Avola per parlare di prematurità ai genitori e domenica 17 novembre alle 18 al Santuario della Madonna delle Lacrime un concerto di beneficenza del Euridice Ensemble.
    L’unità di terapia intensiva neonatale di Siracusa è dotata delle più moderne tecniche per l’assistenza ai nati prematuri, con risultati che pongono Siracusa in termini di sopravvivenza al pari della media nazionale ovvero nove prematuri estremi su dieci.

     

    image_pdfimage_print
  • freccia